Consumi energetici, il Molise tra le regioni più inquinanti d'Italia con 1,7 tonnellate di petrolio per abitante

5' di lettura 04/03/2023 - Per mitigare la crisi climatica in corso – che in Italia ha portato il 2022 ad essere l'anno più caldo mai registrato dal 1800 –  diventa indispensabile effettuare la transizione a fonti rinnovabili ed investire in efficienza energetica, visto che l'unica energia realmente ad "impatto zero" è quella che non viene consumata.

In quest'ottica, il Ranking delle Regioni realizzato da Italy for Climate ci fornisce uno spaccato di consumi di energia pro capite, emissioni e utilizzo di fonti green in ogni regione italiana. Campania, Calabria e Lazio sono le regioni che presentano i migliori valori sia per emissioni che per consumi di energia. Mentre, Umbria, Toscana e Molise seguono andamenti negativi per tutti gli indicatori analizzati.

Nonostante i cali dei consumi e delle emissioni registrati nel 2020 causa Covid, nessuna regione è in linea con gli obiettivi europei 2030 e la roadmap per raggiungere la neutralità climatica. Infatti, tutte le regioni sono chiamate a fare di più: senza un loro maggiore coinvolgimento l'Italia non riuscirà a rispettare l'impegno sottoscritto a Parigi nel 2015.

Quali regioni consumano più energia?

L'analisi data dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, guidata dall'ex ministro dell'Ambiente Edo Ronchi, ci presenta un ranking dei consumi di energia elettrica e gas naturale pro capite totalmente polarizzato fra nord e sud Italia.

Le peggiori: al centro-nord (ad eccezione della Liguria) si trovano tutte le regioni che registrano una performance peggiore della media nazionale.

Le migliori: invece, le regioni del centro-sud e delle isole presentano una performance migliore della media.

L'Abruzzo si trova al 10° posto come regione più inquinante d'Italia, con 1,8 tonnellate di petrolio per abitante. I cittadini abruzzesi, specialmente chi vive nella provincia di L'Aquila, dovrebbero riconsiderare i propri consumi, evitando sprechi e optando per soluzioni sostenibili.

RANKING CONSUMI REGIONI ITALIANE
Campania 1,0 tep/ab
Sicilia 1,1 tep/ab
Calabria 1,2 tep/ab
Lazio 1,4 tep/ab
Sardegna1,5 tep/ab
Marche 1,5 tep/ab
Liguria1,6 tep/ab
Puglia1,7 tep/ab
Basilicata1,7 tep/ab
Molise 1,7 tep/ab
Abruzzo1,8 tep/ab
MEDIA ITALIANA 1,82 tep/ab
Toscana 1,9 tep/ab
Lombardia 2,2 tep/ab
Piemonte2,2 tep/ab
Veneto 2,3 tep/ab
Umbria2,3 tep/ab
Trentino-Alto Adige2,4 tep/ab
Friuli Venezia Giulia2,6 tep/ab
Valle D'Aosta2,6 tep/ab
Emilia Romagna 2,7 tep/ab


Da cosa è data questo divario nei consumi energetici? Molti sono i fattori ma ad influenzare questa distribuzione sono soprattutto questioni strutturali e morfologiche:

un maggiore fabbisogno termico per gli edifici (più alto al nord per via delle temperature più rigide), una maggiore dipendenza dai trasporti su strada e, ad una maggiore diffusione di processi produttivi più intensivi dal punto di vista dell'energia.

Nonostante ciò, questi fattori strutturali e territoriali non possono in alcun modo giustificare lo spreco energetico, anche perché le regioni più energivore sono anche le più ricche del Paese. Pertanto, sono proprio queste regioni in primis che hanno l'obbligo di guidare l'Italia verso un'economia a zero emissioni e più efficiente. Sotto questo profilo, tutti i cittadini italiani, possono iniziare a ridurre i propri consumi valutando offerte green proposte dai migliori fornitori italiani presenti sul territorio (come ad esempio Plenitude, Enel, Iren e molti altri).

Invece, i consumi energetici pro capite nel periodo 2018-2020 seguono un trend negativo del -5% come media nazionale. Solo cinque Regioni hanno consumato meno della media: Lazio, Valle d'Aosta, Campania, Lombardia, Piemonte. Invece, Molise e Basilicata, sono le uniche due Regioni che non sono riuscite a ridurre i propri consumi nonostante gli effetti della pandemia. La vera sfida sarà riuscire a raggiungere risultati altrettanto significativi dal punto di vista del risparmio energetico, ma con un'economia prospera.

Consumi Italiani: Curiosità

In Italia ci sono 5 Regioni - Valle d'Aosta, Trentino Alto Adige, Basilicata, Calabria, Molise - con almeno il 40% di consumi coperti da rinnovabili.

7 Regioni - Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Molise, Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta - hanno azzerato i loro consumi di carbone.

3 Regioni appena - Puglia, Sardegna e Lazio - da sole fanno quasi l'80% del consumo nazionale di carbone.

Tutte le Regioni con meno di 1,5 milioni di abitanti - Basilicata, Molise, Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Trentino-Alto Adige, Valle d'Aosta - presentano emissioni pro capite di CO2 sopra la media.

L'Italia si conferma uno dei Paesi europei con la più alta concentrazione di automobili, la media nazionale è di 666 autovetture ogni mille abitanti. Trentino-Alto Adige e Valle d'Aosta hanno ben oltre un'auto per persona.

Fonte: https://energia-luce.it/news/consumi-regioni-italiane/






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-03-2023 alle 07:43 sul giornale del 06 marzo 2023 - 12 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dVJp





logoEV
qrcode