SEI IN > VIVERE MOLISE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Poste, in Molise due dipendenti nominati maestri del lavoro

2' di lettura
48

Poste Italiane partecipa anche quest’anno, con i suoi dipendenti, al conferimento dell’onorificenza “Stelle al Merito del Lavoro”, assegnata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

La commissione nazionale istituita dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha deciso di assegnare ai dipendenti del Gruppo, sulla base dei loro requisiti, 65 Stelle al Merito su tutto il territorio nazionale, in rappresentanza della maggior parte dei ruoli ricoperti in azienda. In Molise il prestigioso titolo di “Maestro del Lavoro” verrà conferito formalmente ad Adriana Pisani e ad Antonio Montagano per meriti “di perizia, laboriosità e buona condotta morale” in Prefettura.

Entrata in Poste Italiane nel 1982 con la qualifica di dirigente principale di esercizio presso il reparto Ragioneria di Isernia, Adriana Pisani attualmente ricopre la mansione di specialista gestione operativa territoriale per la Filiale provinciale di Isernia. “Sono riconoscente nei confronti di Poste Italiane – ha dichiarato – perché mi ha dato la possibilità di aggiornarmi continuamente e di stare al passo con tutti i cambiamenti che l’azienda ha perseguito in tutti questi anni”.

Antonio Montagano è il direttore dell’ufficio postale di Jelsi (Campobasso). Assunto nel 1985 come operatore di esercizio ULA nell’ufficio postale di Santa Croce di Magliano, in questi anni ha lavorato in tanti uffici postali molisani. “Essere stato insignito della Stella al merito del lavoro – ha detto – è stata una sorpresa, una gioia ed un onore che ripaga l’impegno, la tenacia e la passione che ho investito nella vita lavorativa. Voglio condividere questo importante riconoscimento con tutti i colleghi con i quali ho collaborato in tutti questi anni e tutta la mia famiglia”. Le Stelle al Merito sono riconosciute ogni anno ai dipendenti di aziende pubbliche e private, con età minima di 50 anni e anzianità lavorativa continuativa di almeno 25. La metà delle onorificenze è riservata a coloro che hanno iniziato l’attività dai livelli contrattuali più bassi e si sono distinti per il loro contributo umano e professionale.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-05-2023 alle 19:05 sul giornale del 09 maggio 2023 - 48 letture






qrcode